Quando si vuole bene bene solamente non si è più banali non si e più comuni e anche una parola se soltanto è mia sfiora le tue labbra e diventa una poesia

image

Annunci

Tratto da… Le ali spezzate

image

Lo spirito afflitto trova pace solo in unione a uno spirito a lui simile. I due convergono nell’affetto, come uno straniero si rallegra a vedere un altro straniero in una terra lontana. I cuori che si uniscono per mezzo del dolore non saranno separati dalla gloria della gioia. L’amore lavato dalle lacrime rimane eternamente puro e bello.

Non aspettare…

Non aspettare….. di finire l’università, di innamorarti, di trovare lavoro, di sposarti, di avere figli, di vederli sistemati, di perdere quei dieci chili, che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina la primavera, l’estate, l’autunno o l’inverno… Non c’è momento migliore di questo per essere felice. La felicità è un percorso, non una destinazione. Lavora come se non avessi bisogno di denaro, ama come se non ti vedesse nessuno. Ricordati che la pelle si avvizzisce, i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni… Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela. Dietro ogni sguardo c’è una nuova partenza. Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida. Finché sei viva, sentiti viva. Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.

10155258_1479659662297578_6594877767116190695_n(Madre Teresa di Calcutta)

E poi si fa notte….

Oggi è andato…. si è andato come sempre…  mi sono decisa a farlo  ti ho scritto ” Ti voglio Bene” volevo scrivere di più ,ma sai  ho timore della tua reazione.. strano vero? Aver timore di urtare la tua stabilità, la tua decisione di chiudere  con me,con noi,è dura sai ogni giorno lotto per non cadere ,per non piangere,nascondo  il mio dolore e mi stampo un sorriso per chi mi sta accanto. Non è possibile tagliare quel  cordone ombelicare  per una madre ,non sarà mai possibile…..

ti abbraccio  ogni istante con il mio pensarti ..

la tua mamma

Maria Viola

large

Domenica sera

un’altra domenica se ne va

Filo del rasoio

Come un contadino al tramonto
stanco il sole comincia
già ad andarsene:
lo salutano le luci delle lanterne
le lucciole nei boschi e le falene
nei casolari.
Si accendono sul campo,
si gioca ancora,
ronzando i
riflettori.
Gli anni più belli e gli amici
se ne vanno
sfogliandosi come i raggi che
da questa domenica
sera scappano,
affogati dalla notte delle
stelle: che non rivedrò, non
stavolta.

Intorno è tutto uguale:
inverno ed estate, giorni tutti uguali
senza vita né morte rimangono i sassi
del tempo immoto custodi,
ma intorno è di nuovo tutto buio
già finito,
un’altra domenica se ne va
e le note dolci di questa
nostra primavera
cancella dal foglio, dalla memoria.
Ora c’aspettano di nuovo
solo sonno polvere e dolore
che in nulla rinascono e si
spezzano tra le gambe corte
dei bambini in corsa
tra i corpi morbidi dei giovani
in amore.

Come una vita…

View original post 70 altre parole